> Fuffa Digitale - CHIARA ROSSI Javascript, Disable context menu on right click

Fuffa Digitale

La tua consulente di Marketing

Fuffa Digitale

Luglio 16, 2020 Marketing Digitale 0
fuffa digitale - Blog Chiara Rossi

Esistono molti modi per raccontare un fatto. Decido di attenermi rigidamente solo a ciò che è dimostrabile e riporto ogni singolo evento cercando di non far trasparire la mia opinione. Oppure posso enfatizzare un accaduto, una piccola sfumatura che da particolare marginale diventa l’incipit narrativo magari per una grande bufala. Quindi esagero perché voglio attirare l’attenzione. La fame di followers e condivisioni mi spinge a distorcere i fatti con mezze verità con la speranza di avere gli occhi puntati addosso. Rimango in attesa dei miei 15 minuti di fama.

Ebbene sì, tutto questo accade in ogni settore. Dai giornali ai “guru” del marketing, basta scavare un po’ per renderci conto che tutti prima o poi provano a vendere il Santo Graal. Spesso per riuscirci utilizzano quello che tecnicamente viene chiamato Clickbait.

L’ Oxford Dictionary definisce Clickbait qualsiasi «contenuto il cui scopo principale è attrarre l’attenzione e spingere i lettori a cliccare sul link di una determinata pagina web». Giornali e siti d’informazione, così, sfruttano il clickbaiting per rendere appetibili i loro contenuti, di qualsiasi tipo essi siano, e rubare click ai competitor.

Il motivo è abbastanza semplice: popolarità, fama, soldi.

Più persone riesco ad attirare a me, più persone acquisteranno. Il tutto si riduce ad un imbuto. Un grande imbuto mediatico.

Ok Chiara, ma cosa c’entra tutto questo con la fuffa digitale?

Semplice, quando ci addentriamo un po’ all’interno del marketing possiamo distinguere subito due tipologie di persone: i competenti e i fuffologi.

E spesso sono proprio i fuffologi ad utilizzare il sopracitato clickbaiting. Chi con i corsi, chi cono super metodi infallibili per fatturare, chi con l’applicazione dell’anno. Insomma ogni fuffologo ha la propria esca da lanciare in un mare pieno di pesci.

Ovviamente non voglio insinuare che chiunque faccia uso di titoli acchiappa click stia effettivamente vendendo fuffa, però sicuramente non sta nemmeno riportando una realtà esatta.

All’interno del marketing ci sono spesso molte variabili per cui adottare un approccio unico per ogni casistica è spesso impossibile.

Ci sono molti aspetti che possono essere standardizzati, ma ci sono anche molti dettagli che cambiano da progetto a progetto ed è quindi impossibile che il metodo FuffaOggi funzioni per tutti.

Qual è la conclusione di tutto questo?

Fidati di chi ti dice che per raggiungere il tuo obiettivo hai bisogno di tempo, denaro e tanto lavoro, non di chi ti prospetta una strada tutta in discesa.

Ora dirò una cosa che sicuramente andrà in contrasto con quello che dovrebbe essere il mio obiettivo ovvero convincere ogni imprenditore che io sono la persona più qualificata per gestire la comunicazione di un’azienda. Ma preferisco essere una persona onesta. io non mi ritengo un’esperta di marketing o un guru ecco perché spesso continuo ad aggiornarmi e faccio ricerche online prima di scrivere un articolo.

Oggi, appunto, facendo le mie classiche ricerche pre-stesura mi sono imbattuta in questo articolo che spiega in modo molto semplice e preciso il problema della fuffa.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *